profumo gelsomino

Gelsomino il profumo della tranquillità

Il gelsomino è il fiore della pianta Jasminum L., ovvero un arbusto appartenente alla famiglia degli ulivi (Oleacee). Esistono ben 200 specie, molte delle quali sono native delle zone con climi caldi e tropicali, tra cui l’Australasia, l’Eurasia e l’Oceania.

La ragione principale della popolarità di questa pianta è la caratteristica fragranza del suou fiore, appunto il gelsomino.

Si tratta di un fiore che può essere deciduo (il che significa che le foglie cadono in autunno) o sempreverde (il che significa che le foglie sono verdi tutto l’anno).

Alcune specie si ergono alte, mentre altre si espandono o si arrampicano. I fiori misurano in genere 2,5 cm di diametro e vantano tonalità di bianco e giallo.

Alcune specie tuttavia sono di colore rossastro, anche se questo è abbastanza raro. I gelsomini nascono in gruppi di almeno tre fiori, ognuno dei quali ha tra quattro e nove petali, quattro ovuli e due loculi.
Hanno due stami che brandiscono filamenti estremamente corti, con brattee lineari o ovate e con un calice a campana. I fiori di gelsomino vantano anche dei frutti a forma di bacche che diventano neri a maturazione ultimata.

profumo gelsomino

Sebbene sia originario delle regioni subtropicali, un certo numero di specie di gelsomino sono state naturalizzate nell’Europa mediterranea. Una di queste specie è il gelsomino spagnolo (nome botanico, Jasminum grandiflorum).
Il gelsomino è una delle note di fragranza più popolari e una delle più evocative al mondo. Viene estratto dai piccoli fiori bianchi del cespuglio di gelsomino, che ha origine nel sud-est asiatico e nell’Asia meridionale. Uno dei più costosi oli usati in profumeria, quello di gelsomino è spesso definito il Re degli oli ed è usato in profumi di alta qualità.

Il dolce profumo del gelsomino lo ha reso un profumo preferito da secoli ed è uno dei profumi botanici più diffusi. Utilizzato a lungo per scopi cerimoniali, nonché un ingrediente popolare nei profumi moderni, l’olio di gelsomino è potente e molto profumato.

I test di laboratorio hanno rilevato che la fragranza e il suo sostituto chimico hanno tranquillamente calmato i topi quando la loro gabbia è stata spruzzata con questa fragranza, provocando la cessazione di tutte le loro attività e facendoli sedere tranquillamente in un angolo.
I test hanno dimostrato che il profumo veniva respirato, le molecole passavano dai polmoni al sangue e venivano poi trasmesse al cervello.
Le scansioni cerebrali hanno mostrato che l’effetto su una sostanza chimica chiamata GABA sulle cellule nervose è stato migliorato dalle fragranze di gelsomino, che hanno aiutato ad alleviare l’ansia e favorire il riposo.
Quello di gelsomino è un tipo di olio essenziale ampiamente usato in aromaterapia già dagli antichi greci e dagli egiziani, i quali avevano scoperto vari effetti curativi.

Inalando molecole di olio di gelsomino, si dice che trasmetta messaggi a una regione del cervello coinvolta nel controllo delle emozioni. Conosciuta come il sistema limbico, questa regione del cervello influenza anche il sistema nervoso.
L’olio di gelsomino è spesso considerato un rimedio naturale per combattere stress, ansia, depressione, affaticamento, crampi mestruali e sintomi della menopausa. Si dice anche che agisca da afrodisiaco.
Il nome Gelsomino deriva dal Yasmin, che in persiano significa “un dono di Dio”, così chiamato per merito del suo intenso profumo.

Sebbene le oltre 300 specie si trovano principalmente nelle regioni temperate tropicali e calde del mondo, alcune si trovano in paesi con inverni freddi.
Il gelsomino si trova in oltre l’83% di tutti i profumi femminili e nel 33% degli uomini.
Più di cinque milioni di fiori devono essere raccolti per produrre un chilo di ciò che è noto come “puro assoluto di gelsomino”. Di conseguenza, gran parte del gelsomino utilizzato nel profumo è un’approssimazione chimica.